Home Camera a gas e crematorio I

Immagine casuale

costruzioni.jpg
Camera a gas e crematorio I PDF Stampa E-mail
Domenica 28 Settembre 2008 18:54
Il crematorio è situtato fuori il recinto del campo. Davanti all'entrata sul posto dove durante l'esistenza del campo, fu situata una baracca della Gestapo di campo, ora si trova la forca sulla quale il giorno 16 Aprile 1947 fu eseguita la pena di morte del primo comandante di KL Auschwitz Rudolf Höss. La più grande camera del crematorio fu usata come la camera a gas. Negli anni 1941 e 1942 si uccisero i prigionieri di guerra sovietici e gli ebrei del Ghetto , uccisioni organizzate dagli hitleriani sul territorio dell'Alta Slesia. Nella seconda parte si trovano due dei 3 forni, che funzionavano continuamente e bruciavano 340 salme al giorno. Su ogni carrello entravano contemporaneamente 2-3 salme. Il crematorio venne costruito dalla ditta Topf und Söhne di Erfurt, la stessa che montò negli anni 1942 e 1943 i forni dei 4 crematori a Birkenau. Il nome sta scritto su alcuni pezzi di ferro del forno.

Strada per Birkenau

Come è stato detto, a 3 km dal campo base di Auschwitz si trova il campo di sterminio Birkenau o Auschwitz II. Per andare a Birkenau bisogna oltrepassare 4 file di blocchi (in ogni fila si trovano 5 blocchi). I blocchi chiamati Schultzhaftlagererweiterung (prolugamento del campo), furono costruiti dalle SS con le forze dei prigionieri. Secondo i piani hitleriani, il campo base Auschwitz sarebbe stato ampliato di alcuni blocchi nuovi e avrebbe raggiunto la stazione ferroviaria. Gli hitleriani riuscirono a realizzare questo piano soltanto in parte. Nei blocchi già costruiti gli uomini delle SS collocarono alla fine circa 600 prigioniere. In alcuni blocchi furono trovate stanze piene di vestiti da lavoro per i prigionieri, che arrivavano dal campo base per lavorare.

Esecuzione delle prigioniere

Le prigioniere dei blocchi erano occupate in diversi gruppi, come impiegate (nelle sezione politica e di lavore), come domestiche (presso le famiglie delle SS), ecc... Una parte di esse lavoravano nella fabbrica d'armi di Union-Werke producente le spolette per i proiettili, A questo gruppo riuscirono a collegarsi i membri del Movimento di Restistenza del campo. Grazie a ciò il materiale di esplosione fu preso dalle prigioniere, poi portato nascostamente nel campo di Birckenau, per raggiungere infine i prigionieri occupati nel crematorio (Sonderkommando). Dopo il fallimento della ribellione, le autorità del campo arrestarono alcune prigioniere e le misero nei sotterranei del blocco n. 11, in Auschwitz. Nonostante le torture, le prigioniere non tradirono nessuno e furono impiccate dopo qualche settimana di interrogatori. L'esecuzione avvenne tra i blocchi del sopra nominato Schutzhaftlagererweiterung. Secondo le parole della fu prigioniera R. Kaga, l'esecuzione procedette in questo modo:87
"Alcuni giurni dopo il Capodanno, fu eretta la forca nel campo delle donne, destinata per le 4 ragazze della "Union". Il verdetto sarebbe stato adempiuto durante l'appello. Il nostro gruppo, che lavorava dalle 7,30, suppose che avrebbe evitato questo "spettacolo". Purtroppo mezz'ora prima della fine del lavoro, l'uomo delle SS, che ci sorvegliava, ci ordinò di tornare al campo. Durante la strada, tremavamo in tutto il corpo. Ci dissero che già due prigioniere erano state appese durante l'appello, e che per le altre due era giunta l'ultima oera. Le prigioniere furono obbligate a raccogliersi vicino alla cantina del blocco n. 3. A un dato segnale, ci condussero nei pressi del blocco in cui abitava il "Commando dell'Union" e dove si ergeva la forca. Udimmo la voce di Hössler: "...così saranno trattati tutti i traditori---". Io stavo tra Ela e Lola, e penzai: Devo vedere e ricordare. Così vinsi la mia debolezza e guardai la forca, percependo soltanto figure indistinte."
Questa esecuzione fu l'ultima che gli uomini delle SS riuscirono a compiere su quel terreno.
 
Tomba Comune

Sull'altro lato della strada, dove oggi si trova una lapide commemorativa, furono messi, in una tomba comune, i corpi dei prigionieri uccisi durante l'evacuazione del campo e di quelli che non sopravvissero dopo la liberazione, a causa delle malattie e delle ferite contratte. Questa tomba racchiuse i corpi di 710 prigionieri di ambo i sessi, di deverse nazioni. Alla loro tumulazione assistettero migliaia di polacchi.

Colonia delle SS

Questo terreno impressionò diversamente nel periodo dell'occupazione tedesca. Furono espulsi i proprietari legittimi delle case che si trovavano nelle vicinanze cioè la popolazione polacca. Al loro psto venivano sistemate le famiglie delle SS, per impedire aiuto e per rendere impossibNascondigliile la fuga dei prigionieri. Inoltre, quando i prgionieri lavoravano su quel terreno, erano osservati anche dai membri delle famiglie delle SS. Giusto in quelle case abitavano i dirigenti del campo: Fritzsch, Aumeier, Hoffman, Hössler, il dirigente della sezione di lavoro Schwartz, l'uomo dei rapporti Rapportfuhrer Palitzsch (che fucilò di propria mano alcune migliaia di prigionieri sotto il muro della morte, nel cortile del blocco n. 11), il capo della Gestapo del campo Grabner - e molti, molti altri. Qui vivevano e venivano educati i loro bambini.

Casino delle SS

Tutto il terreno chiamato Lagerbereich (zona del campo) era sbarrato e custodito dagli uomini delle SS. Vicino ad uno di questi sbarramenti, nella villa ad un piano con la grande terrazza, c'era l'albergo degli ufficiali Führerheim, ivi si femavano i dignitari hitleriani che venivano ad ispezionare Auchwitz, tra essi il sommo capo delle SS - Himmler - e il capo dell'Ufficio Amministrativo ed Economico del Reich - Pohl.

Viadotto ferroviario

Il campo di Birkenau si vedeva da sopra il ponte della ferrovia. Proprio in quel luogo, il 1 Marzo 1941, si fermò Himmler con il suo seguito, tra cui il comandante del campo di Auschwitz, Rudolf Höss. A nord si estendevano le costruzioni del villaggio Brzezinka (Birkenau). Höss descrisse quella scena:68
"Himmler, in mezzo al gruppo che lo circondava, dal ponte fece un gesto con la mano, in direzione di Birkenau, dicendo che si sarebbe potuto far sorgere il campo in quella regione, però lontano dai centri abitati e isolato dal vecchio campo. Ciò avvenne prima dell'esplosione della guerra tedesco - russa, perciò non comprendemmo per quali prigionieri sarebbe stato costruito tale campo. Himmler non si rispose in proposito. Ne conclusi che egli trattava la cosa come segreto militare."
La costruzione di Birckenau cominciò nell'ottobre del 1941. I prigionieri vi andavano a lavorare da Auschwitz. Per prima cosa furono demolite le case dei contadini e coi mattoni rivati dalla demolizione si costruirono baracche primitive.